NEW TOUR 2023

Modena e
Bologna

DOVE

Modena e Bologna, tra pianura e Appennino

QUANDO

Da maggio a ottobre su richiesta,
da martedì a venerdì, escluso il mese di Agosto.

PICK UP

In zona Modena Alle 08:45 circa ogni MER e VEN (Flessibile)

In zona Bologna Alle 08:45 circa ogni MAR e GIO (Flessibile)

DURATA

Inizio tour ore 10:00
Durata circa 7 ore.
Il tour termina intorno alle 16:00-16:30

La gastronomia che ha conquistato
star ed eccellenze!

 

Se hai guardato Stanley Tucci Searching for Italy e ti sei innamorato due volte dell’Emilia-Romagna, vista da oltreoceano, ma con occhi e sensi rigorosamente di origine italiana e un’evidente passione per la cucina e il mangiare, beh, sei in buona compagnia! 

Stanley Tucci ci ha letteralmente conquistato con humor e quella vena genuina e curiosa di scoprire davvero i luoghi del gusto del Bel Paese, regione per regione.

Il suo viaggio in Italia alla scoperta del Made in Italy enogastronomico in chiave di “people storytelling” dove inevitabilmente la cucina odierna è frutto della nostra storia secolare che Tucci definisce “unica” è un racconto fedele e divertente, esilarante come le battute di questo versatile grande attore americano.

Espressioni quail “Oh! So good… It’s a bomb… Will you marry me?” – dopo aver assaporato le vere tagliatelle al ragù – ci hanno strappato un’autentica risata, per citarne alcune dal 3° episodio della prima serie intitolato “Bologna, ma che in realtà parla dell’Emilia-Romagna, con focus sulla gastronomia, ma anche sull’attualità. Siamo infinitamente grati Stanley Tucci e allo staff che ha ideato questa serie di successo, e ha incuriosito e spinto tanti americani a visitare la nostra amata terra ricca e generosa, oggi, una delle nuove destinazioni emergenti in Italia, per cibo, buon vivere e accoglienza, grazie a un instancabile lavoro simbiotico tra operatori del settore e amministrazione locale e regionale.

Quindi, abbiamo pensato a un nuovo progetto di tour enogastronomico tra Bologna e Modena che ripercorresse i passi di chef e gastronomi “VIP” che di cibo s’intendono, per offrire un’esperienza esclusiva tra sapori autentici, storie, e persone, nel cuore gastronomico dell’Emilia, per alcuni fiore all’occhiello dell’Italia: Modena e Bologna.

Come si svolgerà

il tour…

 

“TRA I COLLI DI MODENA” ALLA SCOPERTA DEL PARMIGIANO REGGIANO

Lasceremo la città di Bologna, o Modena, per salire verso il primo Appennino Modenese, a Zocca dove assaggeremo un Parmigiano Reggiano “per pochi”. Per pochi, perché il caseificio è noto per l’allevamento della Vacca Bianca Modenese, specie in estinzione e protetta da Slow Food, che nonostante la bassa produzione di latte conferisce al Parmigiano un gusto di montagna inconfondibile. Tanto che il pluripremiato Chef Massimo Bottura, Ambasciatore di Parmigiano Reggiano e Aceto Balsamico Tradizionale di Modena DOP, da molti anni viene fino a Zocca per acquistare il suo Parmigiano preferito da proporre nelle sue prelibatezze culinario agli ospiti di Osteria Francescana e Casa Maria Luigia.

Parmigiano genuino e di montagna, che speriamo vorrai assaggiare perché in tal modo, proprio come fa Massimo Bottura da tanti anni, supporteremo le famiglie che hanno scelto questa razza di bovine a rischio di estinzione, che produce latte e Parmigiano Reggiano in una limitatissima produzione.
Dopo l’emozione di vedere le forme in sala di stagionatura e conoscere il processo di battitura e controllo, ci godremo una ricca degustazione all’aperto, nel verde dei pascoli, con Furmai, Tosone e altri formaggi locali, oltre alle diverse stagionature del Parmigiano Reggiano e un buon calice di Pignoletto Frizzante dei Colli Bolognesi.

CASTELFRANCO: LA PATRIA DEL TORTELLINO

Scendendo a valle verso il confine tra Bologna e Modena, la nostra prossima tappa sarà Castelfranco dell’Emilia, Modenese di provincia ma molto legata a Bologna per la lunga appartenenza nei secoli alla città dominata dallo Stato Papale, paesino noto per la riconosciuta paternità del Tortellino, icona del territorio bolognese e modenese e dell’Italia.
Qui, ci aspetta un’esperienza culinaria disegnata apposta per noi, per ripercorre la cucina tipica tra passato e presente in un ristorante gourmet della Guida Michelin, gestito da mezzo secondo dalla stessa famiglia.
Uno chef che adoriamo per la sua cultura e creatività, accoglienza in amicizia e semplicità, con un menu disegnato apposta per noi che propone le ricette originali del padre della Cucina Italiana: Pellegrino Artusi, autore de “La scienza in cucina e l’arte di mangiar bene“, ricettario pubblicato nel 1891 che raccoglie 790 ricette di tutte le regioni d’Italia, brodi, liquori, minestre, antipasti, secondi e dolci. In sostanza, la prima vera Bibbia culinaria italiana.

L’ORO NERO DI MODENA

Con in bocca ancora i sapori bolognesi, il passo è breve verso il confine Modenese, dove vivremo l’esperienza sensoriale di un MUST modenese: l’Aceto Balsamico Tradizionale di Modena DOP, il cosiddetto Oro Nero di Modena.
Dove? In un’acetaia storica del modenese, oggi gestita dalla sesta generazione di famiglia, Bottega Storica e protagonista in passato di una delle puntate di “No Reservations” seguitissimo programma americano a cura di Anthony Michael Bourdain, chef internazionale e appassionato viaggiatore e depositario di racconti, storie e cucine di tutto il mondo.
Pazienza, devozione e passione: questo vuol dire produrre il Balsamico Tradizionale, aggettivi che ben descrivono tante famiglie modenesi profondamente legate al territorio e felici di accogliere i nostri ospiti, e lasciare un’emozione. In base alla disponibilità, potremmo infatti essere ospiti di un’altra acetaia storica dove marito e moglie sono appassionati, effervescenti e perfetti ambasciatori della vera ospitalità, tanto che sono stati protagonisti dello splendido documentario Italy Made with Love, ancora in fase di costruzione.

Non a caso, Massimo Bottura dice a Tucci che “nelle sue vene scorre l’aceto balsamico tradizionale” . Per noi Bottura non è solo un personaggio di spicco, è l’immagine dell’operosità modenese, che non si è mai arreso anche quando la sua cucina risultava troppo avveniristica per i locali, che ringraziamo per averci permesso di lavorare con il turismo più bello, quello che cerca un rapporto più personale e curioso, e dulcis in fundo creatore di svariati progetti di solidarietà. Primo e unico Il Tortellante.

VUOI AGGIUNGERE AL TOUR UNA CENA SQUISITAMENTE MODENESE?

A questo punto, sono circa le 16:00 e avremmo terminato il tour gastronomico. MA, se non ti è bastato, puoi passeggiare liberamente per il grazioso e raccolto centro storico di Modena, e assaporare la vera cucina modenese.  Possiamo prenotare per te un tavolo con menu a la carte in uno dei nostri ristoranti preferiti, che sta conquistando locali e visitatori: Piccola Osteria Zémian, che propone una cucina tra creatività e tradizione, pochi tavoli, servizio cordialissimo, e bollicine nostrane. Noi ci occupiamo della prenotazione; pagamento direttamente sul posto.

Non si può lasciare Modena senza aver assaggiato le vere “Rosette Modenesi”. Allora sì che avrai assaporato il meglio tra Modena e Bologna!

Se alloggi a Bologna, possiamo organizzare un servizio di transfer privato di rientro a Bologna dopo cena.

Tour non adatto a vegetariani
Tour non personalizzabile
Essendo un tour esclusivo che si svolge in un periodo limitato dell’anno, si consiglia vivamente di prenotare in anticipo.

 

IL TOUR PUO’ ESSERE:
  • Privato: min 4 – Max 6 ospiti (come tour privato o semi-privato)
  • Piccoli gruppi (famiglie, amici) – Max 10 ospiti
TOUR ESCLUSIVO

Tour non personalizzabile

Questo tour VIP esclusivo non può essere personalizzato.

ROAD TRIP

Utilizza la tua auto

Vi daremo indicazioni per raggiungere
il punto di partenza del tour, e saremo lì
ad aspettarvi e vi guideremo nelle prossime
tappe del tour.

PRENOTAZIONE

Prenota questo tour in Emilia!

    01. INSERISCI I TUOI RIFERIMENTI:

    Sono *

    Sono interessato a *

    02. INSERISCI LA TUA RICHIESTA:

    ACCETTO IL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI: I dati personali acquisiti saranno utilizzati da Emilia Storytellers anche con l'ausilio di mezzi elettronici e/o automatizzati. Il conferimento dei dati è facoltativo; l'eventuale mancato conferimento dei dati e del consenso al loro trattamento/comunicazione comporterà l'impossibilità di dar corso a successivi contatti. Ai sensi del D.Lgs.196 del 30 giugno 2003, l'interessato ha il diritto di modificare i propri dati chiedendone la correzione, l'integrazione e, ricorreggendone gli estremi, la cancellazione o il blocco.


    LA NOSTRA EMILIA TI ASPETTA

    i nostri tours
    enogastronomici